Ultima modifica: 21 settembre 2017

IL “LEARDI” A TARANTO PER L’INAUGURAZIONE DELL’ANNO SCOLASTICO

(r.l.) – L’Istituto di Istruzione Superiore “Leardi” ha partecipato con emozione all’inaugurazione dell’anno scolastico 2017-2018. La manifestazione si è tenuta a Taranto, presso l’Istituto Comprensivo “Pirandello”, plesso “Falcone”. La scelta, sostenuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non è stata casuale. La scuola si trova nel quartiere Paolo VI e aveva subito pesanti atti vandalici, ma grazie all’impegno di docenti, studenti e famiglie è stato possibile rimetterla in sesto.

Un “forte messaggio sulla funzione insostituibile della scuola, soprattutto in contesti periferici e difficili”, come sottolineato dal discorso del Presidente della Repubblica. Una visione fatta propria anche dal “Leardi” (presente con delegazione formata dallo studente Marco Cornaglia della classe 3ªA Amministrazione Finanza Marketing e la docente Maria Cristina Portinaro) e dagli altri istituti del territorio appartenenti alla Rete Scuole Insieme.

Accanto alle figure istituzionali (presente anche il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli), ampio spazio è stato dedicato all’intrattenimento: si è tenuto uno spettacolo presentato da Maria Teresa Mannino, con la partecipazione di Alberto Angela, l’ex tennista Flavia Pennetta, atleti paraolimpici e persino, in collegamento web dalla stazione spaziale internazionale, l’astronauta Paolo Nespoli.

“È stato un evento molto importante” commenta Marco Cornaglia, “perché ha consentito agli studenti di ogni parte d’Italia di conoscere le più alte cariche dello Stato. Sentire parlare il Presidente Mattarella di scuola, per gli studenti e gli insegnanti presenti, così come stringergli la mano è stato una forte emozione”.

Aggiunge la professoressa Maria Cristina Portinaro: “Incontrare studenti di scuole di ogni ordine e grado, di tante regioni diverse, è stato di grande impatto. Vedere giovani così diversi, ma tutti impegnati per la scuola, ci ha fatto comprendere la funzione aggregante dell’istruzione”.