Ultima modifica: 25 ottobre 2017

“LEARDI”: I GIOVANI TURISTI “RESPONSABILI” AL FESTIVAL IT.A.CÀ IN MONFERRATO

“Abbiamo voluto ripercorrere con il pubblico l’evoluzione storica e sociale del fenomeno turistico e affermare che per noi giovani è importante non solo saper costruire itinerari, studiare le attività delle strutture ricettive o delle imprese di viaggi, ma anche imparare e diffondere le modalità di un turismo consapevole, rispettoso della culture di un luogo, che sappia portare ricchezza alla popolazione locale. A scuola diciamo: Buy local!” – così Andrea Repetti, classe 4ªA Turismo dell’Istituto di Istruzione Superiore “Leardi”, che riassume i contenuti portati dai giovani studenti al Festival “It.a.cà in Monferrato” il 21 ottobre a Crea.

Prosegue Beatrice Parola: “Indubbiamente è stata un’esperienza coinvolgente e davvero formativa, che ci ha permesso di presentare ad un pubblico competente la nostra preparazione in campo turistico. Eravamo emozionati ma orgogliosi di rappresentare il corso turistico con una progettualità tutta nostra, sulla base di quanto finora studiato a scuola. Per me una vera attività di Alternanza Scuola Lavoro”.

Najoia El Khatimi commenta: “Mi è piaciuto sentire tante opinioni diverse, da quelle di esperti del settore turistico, come gli ideatori di It.a.cà, a quelle di creatori di iniziative che a noi studenti sono utilissime per conoscere meglio il nostro territorio, come «Noi in Monferrato», a quelle di chi, come noi, vuole il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente, come Legambiente”.

E infine Francesca Rota: “Avevamo già parlato e discusso a scuola dell’importanza di un turismo responsabile, e del potenziale di sviluppo economico che un turismo dolce, culturale, enogastronomico e verde offre alla nostra terra e a noi, futuri operatori di un turismo innovativo ma consapevole. Poter toccare con mano grazie a un’iniziativa del genere però è stato davvero formativo”.

La docente di Discipline turistiche, Giuliana Boschi, coordinatrice dell’iniziativa: “Grazie a It.a.cà in Monferrato, grazie al suo organizzatore, Max Biglia, che ha permesso uno scambio di idee e di confronto tra realtà diverse per storie, settori e luoghi di attività, unite da un solo obiettivo: valorizzare la nostra terra, il Monferrato, e farlo crescere sì economicamente, ma in modo consapevole. Un ringraziamento anche alla professoressa Francesca Agate per la realizzazione del fotoservizio. Alla prossima edizione di It.a.cà. Abbiamo tante idee da mettere in circolo”.

Classe 4ªA Turismo