Ultima modifica: 14 Gennaio 2019

COMUNICATO STAMPA nuovo indirizzo Liceo Artistico

11 gennaio 2019, h. 11,00 – Aula magna I.I.S. Leardi – Casale Monferrato

Prof.ssa Nicoletta BerroneDirigente scolastico Istituto d’Istruzione Superiore “Leardi” e Istituto Tecnico Agrario – Luparia:

Con l’apertura del nuovo Liceo artistico con indirizzo audiovisivo e multimediale si concretizza il progetto al quale stiamo lavorando da anni: la costituzione del Polo della creatività orientato all’Arte, alla fotografia, al Cinema e alla comunicazione multimediale.

L’obiettivo dell’Istituto d’Istruzione Leardi è quello di diventare attrattore per il territorio, un polo nel quale artisti, fotografi, videomaker, registi e comunicatori incontrano studenti e docenti per lavorare insieme a progetti legati alle professioni del futuro.

Ricordiamo che da quasi vent’anni l’Istituto Leardi lavora nel settore della comunicazione collaborando con tutte le realtà del territorio che si occupano di grafica, fotografia, video ma anche di social media marketing (LAN service) e illustrazione (Inchiostro Festival di Alessandria). Nel curriculum dell’Istituto si possono trovare premi regionali e nazionali che decretano la preparazione dei nostri studenti nei settori della comunicazione, dell’imaging, del film-making e del graphic design.

Per il Leardi immaginiamo un futuro nel quale la didattica dei media possa essere la quotidianità e l’educazione degli studenti un viaggio che conduce all’esplorazione dei nuovi settori del sapere. Del resto anche le indicazione europee ci invitano ad educare i ragazzi alle trasformazioni indotte dalla rivoluzione digitale. Il nostro corpo docente e gli spazi che, da anni, stiamo costruendo vanno nella direzione del continuo aggiornamento: l’ultimo finanziamento ottenuto, ad esempio, ha permesso al Leardi di far parte del Piano nazionale di Cinema per la scuola.

L’Istituto Leardi è uno spazio dei saperi in continuo movimento perché essere all’avanguardia è il principale obiettivo che ogni scuola dovrebbe avere.

La scuola oggi affronta la sfida del futuro e ai ragazzi di oggi e di domani si vuole innanzitutto dare la possibilità di riflettere e di utilizzare il pensiero critico per accrescere la consapevolezza della realtà ed evitare così errori e false aspettative. Le discipline legate all’arte e all’immagine del nuovo percorso liceale li aiuteranno a sviluppare le competenze necessarie alla lettura e all’interpretazione dei messaggi visivi e iconici da cui siamo continuamente sollecitati e che costituiscono una corsia preferenziale per accostarsi alla realtà stessa.

A questo proposito, se prendiamo in considerazione le linee guida del liceo artistico, vedremo che lo studio è indirizzato ai  “fenomeni estetici e alla pratica artistica e volto a favorire l’acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica e della padronanza dei linguaggi e delle tecniche relative”.

Questo indirizzo di studi fornisce dunque allo studente “gli strumenti  necessari per conoscere il patrimonio artistico nel suo contesto storico e culturale e per coglierne appieno la presenza e il valore nella società odierna. Guida lo studente ad approfondire, a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per dare espressione alla propria creatività e capacità progettuale nell’ambito delle arti”. (art.4 linee guida)

Si parlava prima di una scuola che accoglie la sfida del futuro, secondo il World Economic Forum nei prossimi anni decine e decine di mestieri spariranno e il 65% degli studenti attuali in futuro farà lavori che oggi ancora non esistono.

Nel settore cultura e formazione si ipotizza un alto numero di posti di lavoro (455mila posti nell’Education & Training), precisamente nei settori del Turismo, dell’Industria culturale e del patrimonio artistico; saranno e sono pertanto  richieste dal mercato del lavoro le professioni che valorizzano cultura, monumenti e paesaggio e turismo sostenibile.

I numeri di quest’ultimo settore continuano a crescere, come dimostrano i dati del 2018 che si è appena concluso (nel 2018 ci sono stati più 1 milione di posti di lavoro nel turismo e nelle professioni collegate della ristorazione, enogastronomia, della  valorizzazione di luoghi d’arte e località termali).

Ricordiamo che per il nostro Paese, oltre alle tradizionali vacanze estive (tra mare e montagna), il cuore dell’attrattività  sta infatti nella valorizzazione del patrimonio storico artistico, musei, biblioteche, archivi e monumenti.

Si tratta dunque di una buona notizia , che ci invita a riscoprire attentamente le bellezze dell’Italia e a tutelarle perché sono fonte di bellezza,  identità storica e quindi  valore futuro.

E’ questo è tanto più vero per il nostro territorio che punta proprio sull’interesse paesaggistico, con il riconoscimento, a tutti noto e da non dimenticare, del giugno 2014, dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato come 50° sito italiano iscritto nella lista del Patrimonio mondiale  dell’Unesco perchè “ incarnano l’archetipo di paesaggio vitivinicolo europeo per la loro grande qualità estetica» e che comprendono il Monferrato degli  Infernot, di cui  va fiero il nostro territorio e di cui l’Istituto Leardi si più volte occupato con studi e  pubblicazioni  sugli aspetti artistici e antropologici degli stessi e con la realizzazione di visite guidate da parte dei nostri alunni in occasione di fiere e manifestazioni turistiche.

Gianfranco Lorenzo BaldiPresidente della Provincia di Alessandria:

«Ci tenevo a partecipare personalmente all’inaugurazione di questo nuovo corso di studi perché credo che sia stata una conquista importante per i cittadini del Monferrato casalese. Erano molti anni che la città necessitava di un Liceo artistico e sono contento che si sia trovato un accordo per rendere concreto quello che appariva come un sogno. Voglio tributare un plauso al Dirigente scolastico, la professoressa Nicoletta Berrone, e ai suoi collaboratori, che con passione e determinazione, sono riusciti a presentare un progetto concreto e finanziariamente sostenibile».

Federico RiboldiVicepresidente della Provincia di Alessandria:

«Sono davvero orgoglioso di poter annunciare che la Provincia di Alessandria ha assegnato a Casale il Liceo Artistico; Casale è una città di cultura, un’antica capitale di stato preunitario, quindi detentrice di un patrimonio culturale, di talenti, idee ed estro non comune. In tutti i campi. Quindi, dopo 10 anni di “no” che venivano dati alla nostra Città dalla Provincia, con motivazioni che non abbiamo ritenuto sufficienti, al nostro primo anno di mandato abbiamo voluto immediatamente premiare le progettualità presentate e dare un nuovo corso di studi alla nostra Città».

Prof. Ilenio CeloriaDocente di Fotografia e video Istituto Superiore Statale “Leardi”:

L’apertura del Liceo artistico consentirà di attivare un percorso nel quale, già dal primo anno di studi, gli allievi potranno disegnare, dipingere e realizzare grafica d’arte (Discipline grafiche e pittoriche, 4 ore alla settimana); potranno modellare utilizzando argilla, plastilina e gesso (Discipline plastiche, 3 ore alla settimana) ed inoltre nel Laboratorio artistico (3 ore alla settimana) potranno avvicinarsi alla fotografia e all’illustrazione digitale. Grande attenzione sarà data anche alla Storia dell’Arte e alla Filosofia che permetteranno agli allievi di comprendere i fenomeni artistici, scientifici e culturali utili a collocare le loro ricerche e i loro progetti nella complessa realtà odierna.

La costituzione del Polo della creatività permette di potenziare l’utilizzo degli spazi dell’Istituto dedicati alle discipline visive; l’aula Macintosh e il laboratorio fotografico saranno il luogo nel quale avvicinarsi all’arte contemporanea dove video-arte e fotografia stanno diventando i media più utilizzati.

I laboratori di Discipline pittoriche e Discipline plastiche costituiscono spazi flessibili dove gli studenti non solo disegneranno, dipingeranno e modelleranno, ma lavoreranno a progetti di gruppo nei quali si favorirà la socializzazione e la condivisione.

Con il nuovo progetto nell’ambito del Piano nazionale di Cinema per la scuola, dopo un primo momento di formazione per allievi e docenti, verrà allestito un nuovo laboratorio Macintosh nel quale, al fianco del computer ci saranno il tavolo da disegno e la telecamera. L’obiettivo è educare i ragazzi all’utilizzo creativo delle tecniche legate al visivo, ma anche insegnare loro a immaginare e a sviluppare le proprie idee.

In un mondo veloce e sempre più complesso che basa gran parte della comunicazione sull’immagine fissa ed in movimento, la scuola deve dare molta importanza all’arte perché consente di vedere oltre i limiti imposti dal rapido fluire della quotidianità; deve educare all’immagine perché oggi è indispensabile: circa vent’anni fa Nicolas Negroponte affermava che gli analfabeti del futuro saranno coloro che non sapranno leggere le immagini.

Il Leardi, dal 2000 sta investendo in questa direzione. Ricordiamo che con l’apertura del primo indirizzo grafico in Provincia, dal 1995 si inizia a sperimentare con mezzi fotografici (fotografia analogica e trattamento in camera oscura); nel 2000 apre il primo laboratorio Macintosh con computer specializzati nella cumputer-grafica; nel 2008 inaugura la prima classe 2.0 (una delle 8 in Piemonte) e nel 2012 l’aula dedicata alla cinematografia; nel 2014 rinnova completamente l’aula Macintosh e il laboratorio fotografico; nel 2015 nasce l’Agorà degli apprendimenti, prima aula dotata di sistemi di proiezione multipli e spazi flessibili e nel 2019 inaugurerà il primo laboratorio per la sperimentazione della realtà virtuale ed un nuovo spazio dedicato al cinema.