Ultima modifica: 28 Gennaio 2019

TURISMO, ARTE E “NOI IN MONFERRATO”: IL LEARDI IN VISITA ALLE CHIESE DI MONCALVO

La passione delle guide volontarie di Moncalvo, le signore Maria Rita Laio, Angela Strona e la coordinatrice del gruppo Giovanna Ferraro, l’interesse per l’arte degli alunni delle classi 3aA e 3a B del corso Turismo dell’Istituto Superiore “Leardi” e il piacere di trascorrere una mattina insieme facendo una lezione “sul campo”: questi sono stati gli ingredienti dell’uscita di mercoledì 23 gennaio, nell’ambito del progetto “ Noi in Monferrato”. Questa iniziativa è stata promossa dall’agenzia STAT e dall’associazione “Paolo Ferraris”, impegnate a favore delle scuole partecipanti perché si diffonda tra i giovani una nuova cultura della nostra splendida terra di Monferrato.

 

La visita a Moncalvo è stata un’occasione imperdibile per apprezzare le splendide opere di Guglielmo Caccia, il più importante pittore della Controriforma in Piemonte, e della figlia Orsola: esse sono un vero tesoro artistico, recentemente restaurate grazie alla raccolta di offerte promossa da don Giorgio Bertola.

Il freddo pungente della mattinata non ha impedito alle guide un appassionato “storytelling” sugli affreschi, sulla loro storia e sulle vicende dei due pittori, padre e figlia, impegnati in opere realizzate spesso con lavoro simbiotico.

I ragazzi ed i loro docenti hanno potuto ammirare la Chiesa di S. Francesco, che domina l’antica cittadina e si presenta con un interno grandioso, una vera e propria “pinacoteca cacciana”, la Chiesa di S. Antonio Abate, lungo la stradina pedonale del centro storico, e la suggestiva Chiesa della Madonna delle Grazie, oggi intitolata a Madre Teresa di Calcutta.

Una cioccolata per riscaldarsi al bar sulla storica piazza, un grazie ed un arrivederci alle bravissime guide, con la promessa di ritornare per visitare anche il Castello e per assaggiare le delizie della cucina monferrina.

 Prof.ssa Giuliana Boschi