Ultima modifica: 30 Settembre 2019

I RAGAZZI DEL “LEARDI” RISPONDONO ALL’APPELLO DI GRETA THUNBERG

Le iniziative per la Manifestazione per il clima

Milioni di studenti in tutto il mondo, lo scorso venerdì 27 settembre, hanno accolto con entusiasmo l’invito dell’attivista svedese Greta Thunberg e hanno sfilato alle diverse manifestazioni organizzate in occasione dello “Manifestazione per il clima”.

Supportati anche dal ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che ha invitato le scuole a giustificare l’assenza degli studenti per una causa tanto importante, anche numerosi alunni del triennio dell’Istituto Superiore “Leardi” hanno aderito ai cortei che si sono tenuti ad Alessandria e a Torino. Per loro, che da anni lavorano con i loro docenti sulle questioni ambientali, dai cambiamenti climatici alle conseguenze negative dell’asbesto sulla salute, si è trattato di un momento di crescita importante e di confronto con i moltissimi coetanei partecipanti all’iniziativa.

Considerata l’importanza che l’Istituto riserva per le tematiche legate alla tutela dell’ambiente, gli studenti delle classi prime e seconde nella stessa giornata del 27 settembre e in tutta la Climate action week sono stati coinvolti in importanti momenti di riflessione e in attività pratiche volte alla sensibilizzazione dei più giovani. Innanzitutto, gli alunni della 4aA Grafica e Comunicazione, coadiuvati dai docenti Ilenio Celoria e don Gian Paolo Cassano, hanno realizzato una serie di cartelloni e di manifesti inerenti alle condizioni dell’ambiente e ai rischi degli sconvolgimenti climatici.

Nella giornata dello “Manifestazione per il clima” si è tenuto invece un momento formativo importante, il dibattito organizzato dalla prof.ssa Maria Cristina Portinaro e moderato da Leonardo Deambrogio, Giacomo Giarola e Ylenia De Gaspari, studenti della 3aA Amministrazione, Finanza e Marketing. Tematica centrale sono state le microplastiche nel suolo e nell’acqua: si è discusso del loro impatto ambientale e delle strategie che è possibile mettere in atto per tentare di invertire un processo che appare sempre più irreversibile.

Per concludere la giornata di lavori, sempre col prof. Cassano, gli studenti del biennio hanno ascoltato la lettera inviata ai giovani dal Vescovo di Casale, Gianni Sacchi, grazie alla quale hanno ricordato che, secondo papa Francesco, è dovere di tutti custodire il Creato e «trasmetterlo alle nuove generazioni come fonte di vita, di bellezza e di sostentamento».

Contro quella visione semplicistica che considera tutti i giovani degli “sdraiati”, la giornata dello “Manifestazione per il clima” ha mostrato una popolazione studentesca molto più attiva e sensibile di quanto si potesse immaginare. Che la voce di Greta e di tutti gli altri ragazzi del mondo possa cambiare sul serio il corso della storia?

Prof. Luca Talenti