Ultima modifica: 14 Dicembre 2019

PREMIATI GLI STUDENTI ALLA CERIMONIA CONCLUSIVA DEL “FESTIVAL DELLA VIRTÙ CIVICA”

Si è conclusa, lo scorso venerdì 6 dicembre, la terza edizione del “Festival della virtù civica”, con l’evento forse più atteso: la proclamazione del vincitore del premio “Ambientalista dell’anno”, intitolato a Luisa Minazzi, attivista in prima linea contro le conseguenze dell’amianto, prematuramente scomparsa a causa del mesotelioma nel 2010.

L’Istituto Superiore “Leardi”, che si è sempre impegnato a trasmettere ai suoi alunni i valori del rispetto verso l’ambiente e della tutela del territorio, era presente alla premiazione con una sua delegazione di studenti, quest’anno impegnati, insieme ai compagni degli altri Istituti superiori cittadini, nell’organizzazione e nella condivisione con i coetanei dei principi fondamentali veicolati dal festival. Per questo, Vittorio Giordano e Marco Fratoddi, membri del comitato organizzativo dell’evento, hanno deciso di consegnare loro un attestato di partecipazione, “perché hanno accolto il nostro invito e nelle scorse settimane sono diventati testimoni del Premio presso i loro coetanei. L’attestato è un riconoscimento al grande lavoro di promozione che hanno fatto”.

Ad aggiudicarsi il titolo di “Ambientalista dell’anno 2019” è stata la Cartiera Pirinoli di Roccavione (CN): il presidente della Società cooperativa, Silvano Carletto, aveva incontrato lo scorso mercoledì 4 dicembre i nostri studenti del “Leardi” in occasione dello spettacolo sull’economia circolare “Il settimo continente”.

Da segnalare che, sempre nel contesto del “Festival della virtù civica”, lo scorso giovedì 5 dicembre, alle ore 21, nell’Aula Magna dell’Istituto è stato organizzato lo spettacolo “Cammelli a Barbiana”, monologo recitato da Luigi D’Elia per la regia di Fabrizio Saccomanno. Aperto a studenti, docenti e a tutta la cittadinanza, la rappresentazione è stato un grande omaggio, intenso e poetico, alla vita e all’opera di don Lorenzo Milani, uomo, maestro e prete scomodo, coraggioso e tenace.

L’Istituto “Leardi” ringrazia gli organizzatori del Festival e tutti i suoi partecipanti per l’immensa opportunità di crescita civica e personale che hanno concesso ai suoi studenti e attende la nuova edizione per offrire il proprio contributo per diffondere tra le nuove generazioni i valori del rispetto e della tutela dell’ambiente e della salute in tutte le sue forme.

Redazione “Leardi”




Link vai su