Ultima modifica: 8 Febbraio 2021

EDIZIONE 2021 SU PIATTAFORMA DIGITALE, MA SEMPRE STIMOLANTE IL “ROTARY MEETS” ALL’ISTITUTO LEARDI

Quest’anno su piattaforma digitale, con una accurata e intensa articolazione della mattinata da parte dei relatori del Rotary Club, lo scorso sabato 30 gennaio si è svolto l’annuale incontro tra i professionisti rotariani e gli studenti dell’ultimo anno di tutti i corsi di studio dell’Istituto Superiore “Leardi”. «Per i nostri alunni i tratta di una grande opportunità offerta dal Rotary Club che ringrazio – commenta il Dirigente Scolastico, prof.ssa Nicoletta Berrone – perché sempre più le selezioni per i posti di lavoro avvengono in questa nuova modalità».

In una prima parte vivace e partecipata, condotta da Lorenzo Demagistris, che come sempre e nonostante la “virtualità” dell’incontro è riuscito a stimolare la partecipazione attiva degli studenti, il Presidente del Rotary Alessandro Boverio ha presentato l’associazione, la sua ormai lunga storia, i numerosi progetti di service internazionale e locale, nonché i risultati raggiunti in importanti “sfide”, come la promozione della pace, la lotta alle malattie, il sostegno all’istruzione o la tutela dell’ambiente.

Quindi i numerosi professionisti, Sante Palmieri, Giacomo Alberghina, Laura Coppo, Serena e Francesco Reposo, Alessandro Lanteri, Alessandro Rollè, Corrado Rendo, Enrico Albano e Paolo Pia, lo stesso Lorenzo Demagistris si sono raccontati con passione e trasparenza agli studenti, parlando anche delle difficoltà incontrate per farsi strada, mettendo in luce per ogni settore economico di appartenenza quali siano le competenze necessarie. Gli studenti sono intervenuti ponendo ai relatori domande sui possibili sbocchi lavorativi e di prosecuzione degli studi, sulle opportunità di crescita economica e di creazione di startup post-pandemia, sul potenziamento delle competenze linguistiche, sulle difficoltà create da una burocrazia lenta e ridondante in Italia.

Nella seconda parte dell’incontro, dedicata alla simulazione di un colloquio di lavoro, è intervenuto Dario Scagliotti, manager di Essilor Loxottica, che con Laura Coppo e Lorenzo Demagistris ha condotto l’intervista ai candidati.

Emozionati ma determinati, gli studenti Valeria Tigano, della 5aA Grafica e comunicazione, Martina Volpi, della 5aA Turismo, Giovanni Gallo della 5aA AFM e Matteo Porcini della 5a A CAT, si sono preparati al colloquio inviando il loro Curriculum Vitae e candidandosi per ipotetiche posizioni lavorative aziendali proposte dai professionisti in veste di head hunter. Il colloquio è simulato ed empatico, ma molto realistico nelle modalità di conduzione: gli studenti sono incalzati dagli intervistatori, obbligati a vincere la naturale timidezza iniziale e a mettersi in gioco. Gli studenti si sono dimostrati all’altezza di una situazione per loro inusuale e impegnativa quale la simulazione di un colloquio di lavoro con professionisti e per giunta davanti al pubblico di tutti i compagni delle classi quinte.

L’incontro si è chiuso con un altro momento di fondamentale utilità, e cioè un commento restitutivo sulla conduzione del colloquio, sui punti di forza e di debolezza messi in luce dai candidati.

Martina, Valeria, Matteo e Giovanni sono ancora “adrenalinici” quando l’incontro termina: tutti condividono la consapevolezza di aver avuto una splendida opportunità per crescere. «E’ stato come metterci di fronte al futuro – dicono Valeria e Giovanni; e aggiungono Matteo e Martina: Non ci dimenticheremo di quello che abbiamo imparato oggi, siamo contenti di esserci messi in gioco, è stata una bellissima lezione di passione!»

E il pubblico? Sara Izzo di 5a B Turismo così commenta la giornata formativa: «É stato stimolante per noi ascoltare imprenditori e professionisti affermati perché ci hanno fatto comprendere quanto sia importante la costanza e la tenacia nel raggiungimento di un obiettivo. Personalmente ho apprezzato molto l’intervento della dott.ssa Laura Coppo che ha toccato la tematica della differenza di genere nell’ambito lavorativo raccontando la sua esperienza personale. Nella seconda parte della mattinata abbiamo poi avuto l’opportunità di ascoltare alcuni nostri compagni in una simulazione di colloquio lavorativo. Abbiamo compreso pienamente come dovremo comportarci un domani quando saremo alla ricerca di un impiego. È stata una giornata molto importante e stimolante per il nostro futuro lavorativo».

 Redazione “Leardi”




Link vai su