Ultima modifica: 26 Ottobre 2021

“LEARDI”, RIPARTONO LE USCITE DIDATTICHE SUL TERRITORIO

GLI STUDENTI DEL TURISMO IN FORMAZIONE AL SACRO MONTE DI CREA

Lo scorso venerdì 15 ottobre, gli alunni delle classi quarte del corso Turismo dell’Istituto Superiore “Leardi” hanno trascorso una giornata di formazione al Sacro Monte di Crea: un’attività che, fino a due anni fa, era qualcosa di abituale, mentre si è rivelata per i ragazzi, che hanno affrontato in emergenza sanitaria gli ultimi due anni scolastici, di un momento speciale.

L’atmosfera è stata davvero speciale: un’uscita culturale in una splendida giornata di sole autunnale, in cui socialità e acquisizione di competenze hanno trovato la giusta sinergia. La visita guidata “sul campo” è stata parte integrante del progetto “Guide per Crea”, che ha visto la collaborazione tra l’Istituto e l’Ente Parco del Sacro Monte di Crea. Obiettivo della partnership è la formazione di operatori del turismo in grado di accogliere a Crea visitatori, di informarli e guidarli in modo da soddisfare le loro esigenze di turismo culturale, votivo o naturalistico.

Il progetto, svolto unicamente in DAD lo scorso anno, vista l’impossibilità di fare uscite sul territorio a causa dell’emergenza sanitaria. Eppure, alimentare la consapevolezza che le visite a Crea sarebbero diventate nuovamente fruibili è servito a mantenere vivo l’interesse dei ragazzi, a creare aspettative per il ritorno alla normalità, alla ripresa della socialità: l’idea di una semplice “gita scolastica” per stare insieme nel Parco era diventato un desiderio vivo e una certezza sempre più vicina.

Finalmente l’uscita è diventata realtà lo scorso venerdì: sullo sfondo di un Sacro Monte dai colori intensi, gli alunni del Turismo hanno potuto ammirare di persona gli aspetti naturalistici del parco (con interessanti approfondimenti sulla flora e sugli insetti locali), nonché alcune dei luoghi conosciuti solo online, guidati da Katia Murador e Franco Andreone dell’Ente Parco e dalla loro passione finalmente in presenza: tra le cappelle visitate, la prima, dedicata a Sant’Eusebio, il primo vescovo di Vercelli che, a causa delle persecuzioni contro i cristiani, si rifugiò nel IV secolo sulle colline di Crea portando con sé un’affascinante statuetta lignea della Madonna conservata nel Santuario, e la cosiddetta Cappella “del Paradiso”, recentemente restaurata, che celebra l’incoronazione della Vergine.

Soprattutto, hanno recuperato il tempo insieme, all’aperto, in uno splendido paesaggio, hanno condiviso il tempo libero di un picnic con panini nel parco, sorridenti, felici.

Non solo competenze professionalizzanti e soft skills dunque, ma forse e soprattutto ritorno alla gioia del tempo insieme.

Redazione “Leardi”

 

 




Link vai su