Ultima modifica: 22 Dicembre 2021

LEARDI, AL VIA IL PROGETTO STREET ART PER GLI ALUNNI DELL’ARTISTICO

Presentato, lo scorso 25 novembre, un importante progetto che coinvolgerà gli studenti del Liceo artistico “Angelo Morbelli” dell’Istituto Superiore “Leardi”.

Si chiama “Street art project” e i giovani artisti si metteranno alla prova con questa forma d’arte, mettendo a frutto gli apprendimenti acquisiti durante i seminari tenuti dal restauratore di opere d’arte e artista Giovanni Saldì, durante le lezioni del prof. Gennaro Belfiore, sul tema del linguaggio pop della street art: nel corso della formazione, sono stati esaminati aspetti, caratteristiche e i principali esponenti della cultura urbana mondiale.

«Ci si è soffermati soprattutto sui disegni e grandi cartoni preparatori, per rievocare in laboratorio le antiche tecniche di trasporto del disegno sulla superficie muraria attraverso il cartone preparatorio – spiega il prof. Belfiore – Gli allievi hanno potuto sperimentare, grazie ai laboratori di Saldì, le tecniche e le materie più semplici delle antiche botteghe, sfruttandole con estrema efficacia».

«Parlando di dipinti murari, bisogna necessariamente partire dalle primordiali tracce lasciate a scopo propiziatorio dagli antichi abitanti delle caverne, passando attraverso la cultura egizia fino ai grandi cicli affrescati da Giotto a Michelangelo – continua Saldì – Materiale come carta da zucchero e pigmenti naturali sono divenute per gli allievi del liceo artistico i mezzi classici per esprimere la propria street art».

Se gli americani devono infatti esprimersi con le bombolette spray, in Italia, terra ricca di facciate e palazzi antichi, lavori dal sapore gentile si adatterebbero meglio ad ospitare lavori, dando nuova vita a superfici fatiscenti. Soggetti moderni ma non solo che potrebbero essere realizzati in modo più dolcemente classico, quasi a confondersi con le gore e le alterazioni cromatiche di muri in abbandono. È questo il progetto dei ragazzi, solleticati da una chiamata all’arte riguardante l’abbellimento delle facciate della città fatta dal Comune di Casale Monferrato, rappresentato durante la presentazione dall’Assessore all’Istruzione Gigliola Fracchia: «Gli allievi, unitamente ai loro insegnanti, hanno pensato di realizzare un saggio delle proprie opere future nei corridoi dell’Istituto» precisa il Dirigente Scolastico, prof.ssa Nicoletta Berrone.

«Il primo soggetto che abbiamo realizzato, con la tecnica dello spolvero per cui ci siamo ispirati a Raffaello, è stato il ritratto del pittore divisionista Angelo Morbelli che dà il nome al nostro liceo» raccontano orgogliosi gli studenti della classe 3aA. La prossima opera sarà l’abbellimento delle volte che si trovano di fronte all’Istituto: «Si tratta di un primo approccio all’esterno, verso la città – conclude Saldì – Sarebbe interessante se, per ogni via si realizzasse un’opera di street art legata alla toponomastica, ricollegandosi a un progetto informativo che è stato avviato alcuni anni fa dal Comune in sinergia con le scuole del territorio: sarebbe un modo per accogliere i visitatori, portandoli a un’immersione totale nella storia e nella cultura della nostra città».

Redazione “Leardi”   




Link vai su